TRE QUALITÀ FONDAMENTALI DEI PNEUMATICI INVERNALI PIRELLI

Mettersi al volante di un’auto per affrontare insidiose strade innevate nel gelo di metà inverno non è una prospettiva allettante. A meno che il veicolo in questione non sia dotato di affidabili pneumatici invernali di ultima generazione.

Smiley faceChe si tratti di attraversare montagne innevate o di spostarsi rapidamente nel frenetico traffico metropolitano, gli innovativi pneumatici invernali Pirelli, risultato di decenni di sviluppo, contribuiscono a controllare l’aderenza in condizioni avverse, se accompagnati da una guida attenta. Inoltre, consentono al conducente di godersi l’essenza dell’auto, “sentire” la strada e abbandonarsi al piacere della guida.

Pirelli è stata una delle prime aziende a sviluppare pneumatici invernali. Nel corso degli anni, il suo team di Ricerca e Sviluppo ha lavorato alla creazione di pneumatici invernali premium e di prestigio leader di mercato, che mettono al primo posto le caratteristiche del pneumatico strettamente interconnesse di sicurezza e prestazioni, ottimizzandone al tempo stesso la durata.

Che si tratti di attraversare montagne innevate o di spostarsi rapidamente nel frenetico traffico metropolitano, gli innovativi pneumatici invernali contribuiscono a controllare l’aderenza in condizioni avverse

Sicurezza al primo posto

I pneumatici invernali sono progettati per offrire le migliori prestazioni quando la temperatura scende al di sotto dei 7°C (44,6°F), il punto in cui i pneumatici estivi iniziano a irrigidirsi, perdendo aderenza ed efficienza di frenata.

I pneumatici invernali sfruttano innovazioni tecnologiche  per contrastare lo slittamento, il momento critico in cui si perde l’aderenza della gomma sulla superficie stradale, massimizzando il fondamentale contatto tra pneumatico e asfalto.

Pirelli crea e collauda costantemente nuove mescole in gomma che restano più morbide e flessibili nelle condizioni più fredde. Vengono sviluppati e perfezionati nuovi disegni di battistrada per migliorare la capacità del pneumatico di far presa sulla neve e far defluire l’acqua. Allo stesso tempo, una sofisticata rete di lamelle, ossia tagli sottili nel battistrada, ottimizza la flessibilità della mescola e migliora l’aderenza del pneumatico sulla neve.

Alla ricerca del massimo rendimento

Ma il miglioramento delle prestazioni non riguarda solo  il disegno del battistrada e la mescola chimica del pneumatico. L’intera anatomia del pneumatico, compresa la sua forma, viene rigorosamente analizzata nei laboratori Pirelli per garantire che tutti gli elementi della struttura funzionino in sintonia.

Vengono utilizzate diverse combinazioni per rispondere alle esigenze poste dalle auto con profili e comportamenti diversi. P Zero™ Winter, ad esempio, è progettato per il settore delle auto sportive di lusso, mentre Scorpion™ Winteroffre i massimi livelli di stabilità e controllo se lo si monta sui SUV, che sono generalmente più alti delle auto sportive.

E al fine di ottimizzare ulteriormente le prestazioni, Pirelli collabora con diverse case automobilistiche per sviluppare congiuntamente pneumatici su misura, o anche omologati, per le loro vetture. Il risultato è un pneumatico dedicato che consente al conducente di controllare il veicolo alla perfezione, anche nelle più rigide condizioni invernali.

Ottimizzazione della durata

La sicurezza e le prestazioni chiaramente hanno la precedenza su tutto, ma anche la durata è un fattore fondamentale per i pneumatici invernali, in quanto l’asfalto freddo ha un effetto aggressivo sulla gomma. Pirelli si impegna inoltre a creare prodotti che durino a lungo, nonostante l’intenso logorio che subiscono nel corso della stagione.

Forse la cosa potrà sorprendere, ma il fattore più importante da considerare in relazione ai tassi di abrasione è il disegno del battistrada anziché il numero di km percorsi. L’obiettivo è elaborare un modello che ottimizzi la sicurezza e sia ben bilanciato tra il centro e il bordo del pneumatico, nonché tra parte anteriore e posteriore. Maggiore è il bilanciamento, maggiore sarà la durata del pneumatico.

Naturalmente anche lo stile di guida influisce sul grado di usura. D’inverno, la regola che tutti i conducenti devono seguire è: piano è meglio, che si tratti di affrontare le curve, frenare o accelerare. Guidare con maggiore attenzione non solo si traduce in una minore probabilità che i pneumatici perdano aderenza (e i pneumatici invernali possono dimezzare la distanza di frenata), ma anche in una loro maggiore durata.

i nuovi spessori e disegni di battistrada migliorano la capacità del pneumatico di far presa sulla neve e far defluire l’acqua